+2 voti
538 visite
in Professioni linguistiche da (180 punti)
Salve, il mio obiettivo e' quello di diventare una traduttrice e/o interprete nel campo medico-scientifico. Sono una perfusionista cardiovascolare. Mi sono formata in Italia ma poi ho lavorato per quasi 10 anni tra US, Australia, UK e Spagna. Parlo fluentemente Inglese e Spagnolo pur non avendoli mai studiati a livello universitario ( ho fatto solo corsi in scuole di lingue o lezioni private). Ora, dopo quasi 10 anni devo tornare in Italia e per non mandare all'aria i miei studi e la mia esperienza ho deciso di studiare Lingue e Traduzione. Nello specifico vorrei fare i 3 anni di lingue e i 2 anni di magistrale in traduzione e interpretariato ed applicare le mie pregresse conoscenze in ambito medico alla traduzione e all'interpretazione. La mia domanda a questo punto e':

E' possibile, durante i 5 anni di studio universitario, iniziare a lavorare o a fare esperienza di qualsiasi tipo nel settore? Non vorrei arrivare alla fine dei 5 anni senza alcuna esperienza nel settore alle spalle dato che probabilmente, vista l'eta',  gia' dovro' usare il bastone. Un conto e' inziare a fare esperienza post-laurea a 25/30 anni .... ma quando si e' piu' maturi, diciamo over 40, secondo voi e' ancora possibile riuscirci?

2 Risposte

+1 voto
da (12.3k punti)
Selezionata da
 
Risposta migliore

È senz'altro possibile. Resta da vedere come affrontare le questioni fiscali, ovvero capire la convenienza di aprire una partita IVA fin da subito o trovare un altro assetto. Ma su questo, vivendo da tanti anni fuori dall'Italia e non essendo commercialista, non mi sento di esprimere alcuna opinione.

Invece, vorrei sottolineare come la laurea in Lingue e/o Traduzione, per quanto sia la migliore scelta professionalizzante, non è certo l'unica. Esistono moltissimi corsi para-universitari o brevi con i quali potresti acquisire competenze di traduzione, così come esistono tantissimi traduttori professionisti che non hanno studiato né Lingue né Traduzione.

Prima di imbarcarti in un nuovo percorso universitario, il mio suggerimento è di esplorare tutte le possibilità, anche perché - avendo tu una specializzazione precisa - parti molto avvantaggiata rispetto alla concorrenza, soprattutto grazie alla preziosa esperienza sul campo in vari paesi. Ti consiglio di dare un'occhiata alle risposte ad altre domande su questo sito, come ad esempio:

E tutte quelle nella categoria Formazione.

+1 voto
da (240 punti)
Scusami se ti rispondo solo ora, ho scoperto questo sito da poco.

Allora, mi pare di capire che tu sia già una professionista sanitaria. Se vuoi documentarti al riguardo, a Milano il CTI tiene un corso di master in traduzione medica, di cui io sono un docente.

La maggior parte dei nostri studenti sono giovani laureati in lingue o traduzione e interpretazione che si vogliono specializzare, ma talvolta abbiamo dei professionisti di settori collegati (medici, farmacisti, veterinarî, biologi...). Se hai una laurea attinente e sai bene l'inglese, puoi iscriverti, chiedi pure tutte le informazioni del caso alla segreteria del CTI o a me personalmente.

Certamente puoi cominciare prima di un'eventuale laurea in traduzione, dato che in Italia non esiste alcun ordine dei traduttori o alcuna restrizione legale. Anzi, essendo tu già una professionista del settore, potresti essere molto appetibile, anche come revisore finale di testi tradotti da un collega traduttore che però non è un medico.

Domande correlate

In DiventareTraduttori potrai porre quesiti sul mondo della traduzione e ricevere risposte da altri membri esperti della community.

Registrati o accedi tramite Facebook per entrare a far parte della community.

Scelti per voi

Trovare tutto su internetIl traduttore insostituibileWeb Hosting
...