Per un traduttore, è necessario avere un sito web o basta una pagina Facebook?

+1 voto
72 visite
quesito posto 21 Settembre 2017 in Marketing da Sara Bua (7,390 punti)

1 Risposta

+1 voto
risposta inviata 26 Settembre 2017 da marcocevoli (8,280 punti)
modificato 10 Novembre 2017 da marcocevoli

Rimando alla risposta già data alla domanda "È meglio avere un sito o un blog?". Preciso qui che la differenza sostanziale fra un sito e una pagina Facebook è la proprietà dei contenuti.

Se registriamo un dominio e pubblichiamo un sito autonomamente, tutti i contenuti ci apparterranno. A seconda dell'ubicazione dell'hosting e della relativa giurisdizione avremo diritti (e doveri). Ad esempio, un sito potrebbe essere equiparato a una testata giornalistica e quindi contrarre gli stessi obblighi, ma anche essere protetto allo stesso modo. Insomma, i contenuti sono di chi scrive e come autore risponde di quello che pubblica.

Al contrario, pubblicando su Facebook, o su qualsiasi altro social network, si accettano le condizioni contrattuali del sito stesso, che possono anche essere particolarmente restrittive. In linea di massima quasi tutti presuppongono che l'utente ceda alla società titolare del sito tutti i diritti sui contenuti che pubblica e, comunque, risponde di quello che pubblica.

Chi desidera ulteriori informazioni dovrebbe innanzi tutto leggere attentamente le condizioni contrattuali del sito ed eventualmente chiedere un parere legale a un professionista specializzato.

Domande correlate

+7 voti
1 risposta 57 visite
+2 voti
0 risposte 11 visite
+3 voti
0 risposte 40 visite
+6 voti
1 risposta 86 visite
In DiventareTraduttori potrai porre quesiti sul mondo della traduzione e ricevere risposte da altri membri esperti della community.

Registrati o accedi tramite Facebook per entrare a far parte della community.

Scelti per voi

Il traduttore insostituibileWeb Hosting
...