+2 voti
281 visite
in Aspetti economici da (180 punti)
Come comportarsi con una casa editrice che, dopo aver promesso una retribuzione entro 120 giorni dall'accettazione del lavoro consegnato, non ha ancora effettuato il pagamento e, sollecitata, promette momentaneamente un acconto e un saldo solo in seguito? So di poter far valere il mio contratto, ma mi domandavo se non fosse una situazione abbastanza comune nel settore, evitando così di sollevare un polverone e pazientando un po'. Compenso a parte, la collaborazione con la casa editrice è stata positiva e non mi dispiacerebbe lavorarci ancora (se mi pagano questa, ovviamente!).

1 Risposta

+1 voto
da (11.9k punti)
Selezionata da
 
Risposta migliore

Cercare di ottenere un pagamento da qualcuno che si rifiuta di farlo è un'impresa molto ardua, per cui il primo consiglio è quello di adottare tutte le misure possibili per non trovarsi in quella situazione.

Fra le precauzioni da prendere segnaliamo:

  • Studiare a fondo il cliente prima di accettare l'incarico, sia usando i motori di ricerca comuni, sia su siti specifici, come la Blue Board di ProZ, ad esempio.
  • Far firmare al cliente un documento contrattuale a conferma dell'ordine, in cui si espongono la modalità e i tempi di pagamento, la scadenza e le misure da adottare in caso di pagamento tardivo. Avere un pezzo di carta firmato non è una garanzia assoluta, ma quanto meno è una prova tangibile da presentare in caso di controversia.
  • Chiedere un anticipo, o pagamenti scaglionati in corrispondenza di ciascuna consegna parziale, in caso di incarichi lunghi. In questo modo ci si tutela un minimo e si riduce il rischio.
Detto questo, se effettivamente ci si trova di fronte a un cliente che si rifiuta di pagare nonostante i solleciti:
  • considerare se il gioco vale la candela; se l'importo in questione è esiguo, probabilmente è meglio lasciar perdere in partenza;
  • contattare un avvocato e discutere con lui l'opportunità di intraprendere le vie legali o anche solo fargli scrivere una lettera di sollecito;
  • incaricare una società di recupero crediti, che solitamente operano secondo una politica per cui trattengono una commissione sull'importo della fattura solo se lo recuperano.
Nota: i tempi lunghi di pagamento sono una cattiva pratica molto comune in Italia e in altri paesi dell'arco mediterraneo, per cui prima di ricorrere ad altre misure più drastiche il consiglio è sempre quello di contattare telefonicamente il debitore e farsi dire qual è la data di pagamento prevista.

Domande correlate

+6 voti
1 risposta 975 visite
+5 voti
1 risposta 133 visite
+4 voti
1 risposta 2.6k visite
quesito posto 15 Novembre 2017 in Aspetti economici da 2i4rj (4.6k punti)
In DiventareTraduttori potrai porre quesiti sul mondo della traduzione e ricevere risposte da altri membri esperti della community.

Registrati o accedi tramite Facebook per entrare a far parte della community.

Scelti per voi

Trovare tutto su internetIl traduttore insostituibileWeb Hosting
...