+2 voti
231 visite
quesito posto in Tecnologia da (3.9k punti)

1 Risposta

+1 voto
risposta inviata da (5k punti)

TMS può essere l'acronimo di Translation Management System, oppure di Terminology Management System. 

Nel primo caso indica un sistema di gestione automatizzata delle traduzioni usato di solito dalle agenzie e dai centri di traduzione per creare, assegnare e fatturare i progetti di traduzione.

Alcuni esempi di questi programmi sono:

  • Globalsight
  • Plunet
  • XTRF
  • ]project-open[
In alcuni casi forniscono anche la gestione dei glossari e delle memorie di traduzione e possono offrire anche un ambiente di traduzione online. Tali strumenti sono:
  • Transifex
  • Crowdin
  • Zanata
  • OneSkyApp
  • LocaleApp

Alcune aziende hanno sviluppato il proprio TMS, ad esempio:

  • SDL WorldServer
  • GlobalLink
  • Smartling

Nel secondo caso si tratta di programmi sviluppati per agevolare la gestione dei glossari e delle basi terminologiche. Per saperne di più, rimando a questa risposta.

commentato da (670 punti)
Uno di questi è disponibile anche su Mac?
commentato da (5k punti)
Per conoscere i requisiti di sistema di ciascun programma è bene consultare l'apposita pagina sul relativo sito ufficiale. Trattandosi per lo più di sistemi web-based, di regola sono raggiungibili tramite browser, quindi da qualsiasi computer recente e laddove è previsto anche da tablet e smartphone.

Per quanto riguarda invece l'installazione di questi programmi su un server, la compatibilità dipende dal linguaggio di programmazione in cui sono scritti e nessuno dei sistemi elencati che prevedono tale installazione è pensato per funzionare su un sistema operativo macOS. Per fare qualche esempio GlobalSight è compatibile con Windows e Linux, come anche SDL WorldServer. Plunet è disponibile solo per Windows mentre XTRF richiede esplicitamente un server dedicato basato su Windows o Linux. In ogni caso queste decisioni vanno prese dagli amministratori di sistema, in quanto un'installazione in-house va poi mantenuta e aggiornata manualmente. Per questo molte agenzie optano per una soluzione SaaS (Software as a Service) in cui il programma è installato su un server remoto e la manutenzione e gli aggiornamenti sono a carico del fornitore del servizio.

Fonti:
http://www.globalsight.com/wiki/index.php/System_requirements
https://www.plunet.com/en/wp-content/uploads/sites/3/2014/08/Plunet_Technical-requirements_EN_valid-from_2017-09-15_final.pdf
https://knowledgebase.xtrf.eu/display/XTRFHelp/Server+Requirements#ServerRequirements-OperatingSystem
https://docs.sdl.com/LiveContent/content/en-US/SDL%20WorldServer-v6/GUID-21F77A1D-1F2A-4762-BA68-BB18DE627DE8
commentato da (9.9k punti)
Mi permetto di aggiungere che un TMS ha senso per una realtà mediamente complessa, un'agenzia o centro di traduzioni con vari dipendenti e un certo numero di collaboratori esterni, anche se esistono strumenti per singoli freelance o per reti di freelance, come ad esempio Protemos (https://protemos.com/).

Domande correlate

+3 voti
1 risposta 290 visite
+2 voti
1 risposta 64 visite
+3 voti
1 risposta 495 visite
+5 voti
1 risposta 375 visite
quesito posto 8 Novembre 2017 in Tecnologia da 2i4rj (3.9k punti)
In DiventareTraduttori potrai porre quesiti sul mondo della traduzione e ricevere risposte da altri membri esperti della community.

Registrati o accedi tramite Facebook per entrare a far parte della community.

Scelti per voi

Il traduttore insostituibileWeb Hosting
...